skip to Main Content
Circ.ne Clodia, 88 - 00195 Roma (RM) +39 06 39722933 info@studio-code.it
Contributi A Fondo Perduto

Contributi a fondo perduto: a quali attività spettano

Dopo la promulgazione del Decreto Ristori che prevedeva diverse misure di sostegno alle attività maggiormente colpite dalle misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19, è stato approvato il Decreto Ristori Bis. Con questo nuovo decreto sono stati introdotti nuovi contributi a fondo perduto per sostenere le attività in difficoltà dall’emergenza ancora in corso.

A chi sono rivolti i nuovi contributi a fondo perduto

Le recenti misure restrittive hanno imposto la chiusura di altre attività, specialmente quelle della ristorazione (e non solo) situate all’interno dei centri commerciali. Per questi verrà costituito un fondo a parte che, previa presentazione delle relative domande, consentirà all’Agenzia delle Entrate di erogare questi contributi a fondo perduto per ridurre le perdite di queste attività.

L’aumento del valore dei contributi a fondo perduto

Tra le novità delle misure restrittive c’è la suddivisione delle aree del nostro Paese, sulla base dell’aumento della curva epidemiologica, in tre arre distinti dove in ognuna vi sono specifiche misure limitanti la circolazione e lo svolgimento delle attività commerciali. Per le attività delle zone arancione e rossa appartenenti alle categorie delle gelaterie e pasticcerie (codice ATECO 561030), delle gelaterie e pasticcerie ambulanti (561041), dei bar e altri esercizi senza cucina (563000) e gli alberghi con domicilio fiscale o sede operative in una delle zone ad alto rischio (551000) i contributi a fondo perduto sono aumentato del 50% rispetto a quanto previsto dal primo Decreto Ristori.

I nuovi codici ATECO

L’Allegato 2 del Decreto Ristori Bis prevede anche l’introduzione di nuove categorie commerciali alle quali destinare, nel rispetto dei requisiti di perdita del fatturato, i contributi a fondo perduto. I codici ATECO delle attività commerciali a cui sono destinati i nuovi contributi a fondo perduto sono:

  • 19.10 – Grandi magazzini;
  • 19.90 – Empori ed altri negozi non specializzati di vari prodotti non alimentari;
  • 51.10 – Commercio al dettaglio di tessuti per l’abbigliamento, l’arredamento e di biancheria per la Casa;
  • 51.20 – Commercio al dettaglio di filati per maglieria e merceria;
  • 53.11 – Commercio al dettaglio di tende e tendine;
  • 53.12 – Commercio al dettaglio di tappeti;
  • 53.20 – Commercio al dettaglio di carta da parati e rivestimenti per pavimenti (moquette e linoleum);
  • 54.00 – Commercio al dettaglio di elettrodomestici in esercizi specializzati;
  • 64.20 – Commercio al dettaglio di natanti e accessori;
  • 78.34 – Commercio al dettaglio di articoli da regalo e per fumatori;
  • 59.10 – Commercio al dettaglio di mobili per la casa;
  • 59.20 – Commercio al dettaglio di utensili per la casa, di cristallerie e vasellame;
  • 59.40 – Commercio al dettaglio di macchine per cucire e per maglieria per uso domestico;
  • 59.60 – Commercio al dettaglio di strumenti musicali e spartiti;
  • 59.91 – Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico;
  • 59.99 – Commercio al dettaglio di altri articoli per uso domestico nca;
  • 63.00 – Commercio al dettaglio di registrazioni musicali e video in esercizi specializzati;
  • 71.10 – Commercio al dettaglio di confezioni per adulti;
  • 71.40 – Commercio al dettaglio di pellicce e di abbigliamento in pelle;
  • 71.50 – Commercio al dettaglio di cappelli, ombrelli, guanti e cravatte;
  • 72.20 – Commercio al dettaglio di articoli di pelletteria e da viaggio;
  • 77.00 – Commercio al dettaglio di orologi, articoli di gioielleria e argenteria;
  • 78.10 – Commercio al dettaglio di mobili per ufficio;
  • 78.31 – Commercio al dettaglio di oggetti d’arte (incluse le gallerie d’arte);
  • 78.32 – Commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato;
  • 78.33 – Commercio al dettaglio di arredi sacri ed articoli religiosi;
  • 78.35 – Commercio al dettaglio di bomboniere;
  • 78.36 – Commercio al dettaglio di chincaglieria e bigiotteria (inclusi gli oggetti ricordo e gli articol di promozione pubblicitaria);
  • 78.37 – Commercio al dettaglio di articoli per le belle arti;
  • 78.50 – Commercio al dettaglio di armi e munizioni, articoli militari;
  • 78.91 – Commercio al dettaglio di filatelia, numismatica e articoli da collezionismo;
  • 78.92 – Commercio al dettaglio di spaghi, cordami, tele e sacchi di juta e prodotti per l’imballaggio (esclusi quelli in carta e cartone);
  • 78.94 – Commercio al dettaglio di articoli per adulti (sexy shop);
  • 78.99 – Commercio al dettaglio di altri prodotti non alimentari nca;
  • 79.10 – Commercio al dettaglio di libri di seconda mano;
  • 79.20 – Commercio al dettaglio di mobili usati e oggetti di antiquariato;
  • 79.30 – Commercio al dettaglio di indumenti e altri oggetti usati;
  • 79.40 – Case d’asta al dettaglio (escluse aste via internet);
  • 81.01 – Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ortofrutticoli;
  • 81.02 – Commercio al dettaglio ambulante di prodotti ittici;
  • 81.03 – Commercio al dettaglio ambulante di carne;
  • 81.09 – Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti alimentari e bevande nca;
  • 82.01 – Commercio al dettaglio ambulante di tessuti, articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento;
  • 82.02 – Commercio al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie;
  • 89.01 – Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti;
  • 89.02 – Commercio al dettaglio ambulante di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura; attrezzature per il giardinaggio;
  • 89.03 – Commercio al dettaglio ambulante di profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti per qualsiasi uso;
  • 89.04 – Commercio al dettaglio ambulante di chincaglieria e bigiotteria;
  • 89.05 – Commercio al dettaglio ambulante di arredamenti per giardino; mobili; tappeti e stuoie; articoli casalinghi; elettrodomestici; materiale elettrico;
  • 89.09 – Commercio al dettaglio ambulante di altri prodotti nca;
  • 99.10 – Commercio al dettaglio di prodotti vari, mediante l’intervento di un dimostratore o di un incaricato alla vendita (porta a porta);
  • 02.02 – Servizi degli istituti di bellezza;
  • 02.03 – Servizi di manicure e pedicure;
  • 09.02 – Attività di tatuaggio e piercing;
  • 09.03 – Agenzie matrimoniali e d’incontro;
  • 09.04 – Servizi di cura degli animali da compagnia (esclusi i servizi veterinari);
  • 09.09 – Altre attività di servizi per la persona nca 200.

Per le attività che avevano già richiesto il primo contributo il nuovo versamento avverrà in automatico, mentre per le altre che volessero presentare la domanda per il nuovo contributo dovranno seguire la procedura sul sito dell’Agenzia delle Entrate prevista anche per il primo contributo.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa privacy.