skip to Main Content
Circ.ne Clodia, 88 - 00195 Roma (RM) +39 06 39722933 info@studio-code.it
Bando Sport E Periferie

Bando Sport e Periferie 2020: fondi e condizioni

Per questo 2020, per supportare il settore dello sport, è stato pubblicato il bando Sport e Periferie, che mira a finanziare diversi progetti per lo sport, da avviare o completare, per la riqualificazione delle periferie del nostro Paese. Questo parte dalla consapevolezza dell’importanza dello sport, anche come realtà educativa, sulla quale investire anche nell’ottica delle nuove generazioni. Conosciamo quindi i dettagli, i requisiti, il tipo di lavori finanziabili e le modalità di accesso al bando Sport e Periferie 2020.

Il progetto

Come indicato sul sito ufficiale dedicato al progetto Sport e Periferie, questo è propriamente un “fondo istituito dal Governo per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva, volti, in particolare, al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti, e individua come finalità il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della relativa cultura, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana”. Per questo tipo di attività sono stati stanziati 140 milioni di euro, da dividere nei vari progetti.

A chi è rivolto

Gli interventi oggetto del finanziamento del bando Sport e Periferie 2020 sono quelli che riguardano la ricognizione degli impianti già esistenti e la realizzazione e rigenerazione degli impianti sportivi siti nelle periferie urbane e nelle aree più svantaggiate del nostro Paese. Inoltre il bando si occupa di finanziare i progetti già avviati per il loro completamento, purché siano destinati all’attività agonistica (nazionale e internazionale) e alla diffusione di attrezzature e materiale sportivo con l’obiettivo di eliminare le differenze sociali ed economiche che ci sono nelle periferie italiane. Avranno priorità i progetti che saranno sviluppati nell’ottica di sostenere il territorio nel quale gli sorgono gli impianti sportivi, con particolare interesse per quelli che propongono interventi per ridurre i fenomeni di degrado sociale.

L’importo del finanziamento

L’agevolazione prevista dal bando Sport e Periferie 2020 prevede che per ogni singolo progetto venga stanziata una somma non superiore ai 700000€. Progetti che richiedono cifre maggiori verranno automaticamente scartati. Inoltre, come specificato all’articolo 4 del bando, “ogni soggetto richiedente può presentare richiesta di contributo per un solo progetto, a pena di esclusione dalla procedura e per ciascun impianto sportivo è ammessa la presentazione di una sola richiesta di contributo”. Il finanziamento del bando Sport e Periferie viene erogato in modo frazionato e “in proporzione agli stati di avanzamento dei lavori, certificati dal direttore dei lavori”. Inoltre i beneficiari del finanziamento hanno l’obbligo di “individuare la stazione appaltante per la realizzazione dell’intervento

I criteri di selezione

Come spiegato dettagliatamente all’articolo 7 del testo del bando, vi sono precisi criteri di selezione per valutare quali progetti finanziari. Ogni progetto può ottenere un punteggio massimo di 100 punti, conseguibili attraverso i criteri di indice di vulnerabilità sociale (massimo 25 punti), indice di sostenibilità ambientale (massimo 25 punti), indice di contribuzione da parte del proponente (10 punti), livello di progettazione (massimo 15 punti) e grado di definizione del piano di attività di gestione dell’impianto (massimo 25 punti),

Come presentare la domanda

L’inoltro della domanda per partecipare al bando Sport e Periferie 2020 può avvenire esclusivamente per via telematica. Una volta registrati al portale è sufficiente compilare i campi presenti e inviare, entro e non oltre le ore 10 del 30 settembre 2020, la propria domanda. Per qualsiasi dubbio o approfondimento i proponenti possono inviare i propri quesiti scrivendo all’indirizzo progettisport@pec.governo.it entro e non oltre le ore 12 del 4 settembre 2020. Le risposte saranno poi pubblicate sul sito dell’Ufficio per lo sport, in forma del tutto anonima, in modo che tutti possano usufruire delle chiarificazioni in materia. Per approfondimenti e chiarimenti è stato anche redatto e pubblicato un apposito manuale rivolto a tutti i proponenti con le indicazioni per l’utilizzo della piattaforma per l’invio delle domande.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta l’informativa privacy.